Al via la XXVIII Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico

Al via la XXVIII Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico

A Rovereto dal 3 all'8 ottobre 2017, immersione totale nella storia grazie alla sensibilitą di alcuni dei migliori registi mondiali nel campo della divulgazione archeologica attraverso il cinema.

La Fondazione Museo Civico di Rovereto con la sua Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico, sostenuta dal Comune di Rovereto e dalla Provincia autonoma di Trento, si prepara a riaccendere le luci degli schermi cinematografici sul lontano passato, per riscoprire e valorizzare il patrimonio culturale e sensibilizzare il pubblico rispetto alla conservazione dei beni archeologici di tutto il mondo attraverso spettacolari documentari di grandi e piccole produzioni italiane e internazionali.

Il palinsesto dell'evento curato da Dario di Blasi e Barbara Maurina, spazia nelle culture di tutti i continenti, che vengono approfondite attraverso i filmati e le conversazioni con gli esperti.

Qualche numero della Rassegna 2017: 56 film da 17 nazioni diverse, 6 conversazioni informali e tavole rotonde con autorevoli relatori. Gli approfondimenti aiuteranno il pubblico di appassionati a entrare nel cuore delle questioni che riguardano i tesori archeologici, sempre più minacciati dai saccheggi, dalle guerre e dalle distruzioni ideologiche, dai vandalismi o anche solo, purtroppo, dall'incuria.

Tutte le iniziative si svolgono nell'Auditorium Melotti, in corso Bettini 41. Nella serata finale, sabato 7 ottobre, l'archeologia sarà protagonista nella splendida cornice del Teatro Zandonai in Corso Bettini. La domenica 8 tutti i documentari vincitori saranno proiettati a Palazzo Parolari, in Borgo Santa Caterina.

Le conversazioni sono valide come aggiornamento per gli insegnanti.

I film sono in gara per il Premio Città di Rovereto al film più gradito dal pubblico, scelto attraverso votazioni giornaliere, e il Premio dedicato al grande archeologo roveretano Paolo Orsi attribuito a un film scelto da una giuria internazionale di esperti, con un riconoscimento in denaro destinato alla produzione di un nuovo documentario alla salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale. 
Una selezione dei filmati concorrerà per la menzione CinemAMoRe, attribuito da una commissione formata da rappresentanti dei tre grandi festival documentaristici del Trentino, la Rassegna del Cinema Archeologico, appunto, il FilmFestival della Montagna e Religion Today. Una menzione speciale sarà attribuita anche da una commissione di Archeoblogger (coordinata da Valentina Poli) che valuterà dal punto di vista comunicativo 2.0 i film selezionati per il Premio Paolo Orsi.

Saranno presenti anche importanti ospiti internazionali dall'Egitto: Mostafa Amin Mostafa segretario generale del Supreme Council of Antiquities of Egypt e una delegazione della Biblioteca di Alessandria d'Egitto: Ahmed Mansour Deputy Director of Calligraphy and Writing studies Center e Mohamed Soliman Head of Cultural Outreach Sector.

Perfetta cornice alla manifestazione, arriva alla Fondazione Museo Civico di Rovereto Il​ ​coraggio​ ​del​ ​colore.​ ​Maria​ ​Stoffella​ ​Fendros. Rovereto,​ ​Venezia,​ ​Firenze,​ ​Atene, mostra temporanea dedicata a un'artista che ha intrecciato legami molto forti con il Museo. Con il libretto della Rassegna timbrato al desk, sconto sul biglietto d'ingresso. Mercoledì 4 ottobre 2017 alle ore 18.30 presso Palazzo Alberti Poja incontro con Maria Stoffella Fendros. Introduce Micaela Vettori, curatrice della mostra.

Nell'ambito della Rassegna, la Fondazione Museo Civico organizza venerdì 6 ottobre 2017 dalle ore 14.30 per il primo anno, a cura di Claudia Beretta, un evento formativo accreditato dal Consiglio Nazionale - Ordine dei Giornalisti: Raccontare il patrimonio culturale. Dalla carta stampata ai social network. 

Qui il programma completo della manifestazione.

 
Scroll to Top